Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, consultala se vuoi negare il consenso. Acconsenti all’uso dei cookie?

30.09.2017 | Armadio Verde Team

Brand etici, perché sceglierli

 

Puntare sullo slow fashion significa acquistare capi di marchi che producono nel rispetto dell'ambiente, senza sfruttare persone e risorse, con materiali eco sostenibili e delicati per la pelle dei bambini

Come avrai notato su Armadio Verde ci sono tantissime marche. Alcune più note, altre meno. Ci trovi la griffe famosa e il nome che si sta facendo strada. Questo perché il nostro marketplace vive e continuamente si alimenta dei prodotti che ci spedite, che sono diversi tra di loro. Sono unici. Ci si trova di tutto ma noi preferiamo e valorizziamo di più i brand che producono in modo etico. Che cosa significa?

 

Fast fashion vs slow fashion

Questa è la prima grande differenza, dietro il fast fashion e lo slow fashion ci sono mondi completamente differenti. Quando parliamo di brand etici, ci riferiamo allo slow fashion. Perché le materie prime che le aziende che vi fanno parte utilizzano sono sostenibili, la qualità viene premiate e certo, la si paga. Il tempo che viene impiegato per realizzare un capo è moltiplicato. Significa che anche il prezzo finale ne risente, chiaramente.

Ma rifinire a mano un capo, fatto magari con filati biologici, ha un costo inevitabile. Che siamo anche disposte a pagare. Ecco come mai.

 

 

 

 

Perchè scegliere lo slow fashion

I prodotti si logorano meno facilmente, sono più resistenti (ah, quando era la nonna a cucire. Si sono mai rotte le cose riparate da mani sapienti?). Sono durevoli, significa che resistono anche ai lavaggi più difficili (e i casi non mancano, visto che tra pappe e giochi all'aria aperta, siamo sempre a fare lavatrici).

La pelle non si irrita. A maggior ragione se stiamo parlando di quella dei più piccoli, magari dei nostri figli nei primi mesi di vita. La scelta della composizione dei tessuti è importantissima, per evitare pruriti, rossori. Oppure che sudino e si ammalino. Quindi preferiamo i tessuti naturali, traspiranti, fibre come il cotone, il lino, la canapa, la lana morbida, da indossare in ogni caso non a diretto contatto con la pelle. Ci sono materiali adatti per i bambini che soffrono di dermatite atopica, una malattia della pelle che provoca prurito e secchezza cutanea. Per esempio il cotone biologico certificato, che viene prodotto ricorrendo a metodi naturali e tinto con sostanze prive da metalli pesanti.

In ogni caso, per non sbagliare, un lavaggio va sempre fatto prima di far indossare i capi ai bimbi. Così gli eventuali residui chimici della lavorazione se ne vanno e possiamo stare più tranquille.

 

 

 

 

Ci guadagniamo tutti

Insomma, lo slow fashion conviene e fa bene. L'opposto è il fast fashion, ovvero tutti quei marchi che propongono almeno una collezione nuova al mese. Significa molta varietà, grandi eccedenze e spesso poca cura della composizione dei tessuti e di come sono stati realizzati.

Su Armadio Verde, dicevamo, puoi trovare di tutto. Ma quello che più ci piace ricevere sono gli articoli che hanno una storia. La storia del brand che li ha concepiti e prodotti, scegliendo con cura i materiali, le sedi di produzione. Brand che hanno disegnato le proprie collezioni con passione e cura, e i risultati si vedono. I loro vestiti piacciono tantissimo anche a voi, vanno a ruba!