Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, consultala se vuoi negare il consenso. Acconsenti all’uso dei cookie?

20.09.2017 | Armadio Verde Team

Cambio armadio autunnale, tutto quello che c'è da sapere

 

Piccoli accorgimenti e consigli puntuali per gestire con tranquillità questo appuntamento. Ecco i capi da tenere e i capi da scambiare o regalare

 

L'ora del cambio armadio si abbatte inesorabile. Anzi, è già tardi, non si può più posticipare. Per non vivere questo momento come un incubo ma per quello che è, cioè un passaggio necessario di sostituzione di capi che occuperà solo poche ore del tuo tempo, leggi questi suggerimenti.

 

 

  • First of all: metti la tua playlist preferita. Musica di sottofondo rigenerante, no stress. E via, si parte.
  • Vero è che quest'anno la bella stagione sembra non finire mai, però anche per chi ha tergiversato, è il momento di procedere con lo switch stagionale. Prendi tutti, ma proprio tutti i vestiti primaverili ed estivi e passali uno a uno. Sii severa, in testa una sola domanda: "questo tra sei mesi andrà ancora bene?". I pupi crescono a vista d'occhio, quindi se c'è qualcosa – e c'è di sicuro – che sai che ad aprile sarà troppo piccino, mettilo da parte. Spedisci a noi di Armadio Verde e inizia a scambiare. Oppure regala ad associazioni e onlus, o alle tue amiche con figli. Cediamo a cuor leggero, senza voltarci indietro.
  • Pulire! Cassetti e ante a questo punto sono sgombre, ci rimbomba dentro l'eco. Armati di stracci e detersivi perché è la giusta occasione per una pulizia che va a fondo. Così per un po' non ci pensi più e sei tranquilla perché tutto è bello igienizzato.
  • Lava i capi che devi mettere in letargo, togli aloni e macchie, trattali con cura così quando riemergeranno dopo i freddi rigori invernali, saranno già freschi e pronti all'uso.

 

 

  • E poi archiviali. Passaggio delicato, lo spazio non è mai abbastanza e ogni centimetro va guadagnato. Ottimi alleati: i sacchetti sottovuoto, le scatole con etichette per sapere sempre dove metti le cose, grucce, pinze e sacchetti di nylon.
  • Tieni fuori giusto i capi passepartout, che non fa mai male. Sono gli evergreen che tornano utili in qualsiasi momento dell'anno, soprattutto nei periodi di trapasso caldo-freddo, ma anche freddo-caldo. Una felpa di medio peso, una maglia a manica lunga, un paio di pantaloni multitasche di cotone pesante o i leggins di nylon.
  • Passa ora in rassegna quello che hai ereditato dallo scorso autunno-inverno. Manca qualcosa? Qualche capo imprescindibile da acquistare nuovamente? Nel caso, provvedi.
  • Hai davanti i vestiti autunno-inverno. E ora viene il bello, devi predisporre tutto in modo da avere ogni cosa al proprio posto, così quando sei di fretta sai dove cercare. Le scuole sono tante: c'è chi divide per colore, chi per modello o per peso. Noi consigliamo sicuramente di riservare un cassetto all'intimo e ai pigiamini. Un altro alle t-shirt, magliette e se vuoi anche maglioni, ben piegati e facilmente riconoscibili. Sulle grucce dividi per tipologia di capi e se hai tempo e voglia, anche per colore.
  • Mettere qualcosa nelle antine e cassetti più bassi e accessibili anche ai piccoli, è meglio. Guidandoli puoi insegnare loro a trovarli, li responsabilizzi e iniziano a intuire come funziona.
  • Vai di antitarme e profumatori per armadi. Ci sono le foglie di alloro che sono naturali, ma anche la lavanda. Hanno odori gradevoli e meno forti della naftalina. Ok anche tavolette di legno di cedro o sacchetti con chiodi di garofano, scorzette di agrumi essiccate ed eucalipto.
  • Sei stata brava! Premiati come solo tu sai, se ne riparla tra sei mesi.