Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, consultala se vuoi negare il consenso. Acconsenti all’uso dei cookie?

21.10.2020 | Armadio Verde Team

NO-PLANET B: Tu hai il potere di cambiare!

 

“ Ogni volta che si spendono soldi, si vota per il mondo che si desidera” - Anne Lappè.

 

Ha fatto scalpore circa un mese fa, la campagna “Vota e caccia quegli idioti”,  il messaggio sulle etichette di Patagonia contro i negazionisti del clima.

 

L’azienda ha una lunga storia di militanza ambientale ma ora che l’emergenza climatica è sempre più grave, il fondatore Yvon Chouinard ha sentito la necessità di denunciare i negazionisti del clima che occupano posizioni di potere. E lo ha fatto a modo suo e a muso duro, sfruttando tutti i canali a sua disposizione, comprese le etichette del suo marchio di abbigliamento.

 

E ha lanciato un messaggio simile non solo tramite le etichette ma anche sulle pagine del sito ufficiale di Patagonia, messaggio direttamente rivolto a chi nega i cambiamenti climatici.

 

Lo scorso anno durante l’incontro alla COP24, Patricia Espinosa, Segretaria Generale dell’ONU Per i Cambiamenti Climatici, ha chiesto ai brand di usare la loro influenza sui comuni cittadini, qualcosa che la classe politica non sembra avere: “quando voi parlate, la gente vi ascolta, e potete cambiare e influenzare le scelte di consumo,” ha detto Espinosa. Finora, però, il messaggio delle aziende di moda ai consumatori è stato quello di comprare a oltranza, incrementando il numero di collezioni infra stagionali e producendo un numero sempre maggiore di modelli.

 

Nessuno di noi (o quasi) ha relazioni veramente durature con i propri vestiti. L’industria è improntata su un modello lineare, dove i vestiti sono prodotti per logorarsi facilmente e perdere il loro appeal: in altre parole, essere desiderati e amati temporaneamente. Un sistema circolare offrirebbe invece l’opportunità di ridurre la produzione di materiali, con conseguenti benefici a livello ambientale.

 

Ecco perché noi di armadioverde abbiamo l’ambizione di invogliare quante più persone possibile a modificare le proprie abitudini di acquisto, a ponderare le proprie scelte e a optare per il mercato dell’usato per il bene dell’ambiente e non solo: scegliere usato consente anche di risparmiare, poiché non è per nulla raro trovare occasioni imperdibili e acquistare a prezzi stracciati abiti sartoriali di ottima qualità, insensibili al passare del tempo. La caccia all’affare può rivelarsi un’esperienza molto divertente oltre che sostenibile!

 

E voi siete pronti ad unirvi alla nostra community

#abbigliamento usato, ##armadioverde, #shopping sostenibile, #slow fashion, #savetheplanet, #secondhandfirst, #wecanchange