Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy, consultala se vuoi negare il consenso. Acconsenti all’uso dei cookie?

29.08.2018 | Armadio Verde Team

Ritorno a scuola, come arrivare preparati

 

Ci si avvia al grande giorno. Le vacanze sono agli sgoccioli e i pensieri vanno a quando con cartella e libri li riaccompagneremo ai cancelli, pronti per un nuovo anno scolastico

 

L'estate sembrava appena iniziata e invece eccoci qui, è già tempo di pensare al rientro a scuola. I nostri pargoli saranno presto sui banchi. Un nuovo grande capitolo si riapre. Come sarà questo back to shool? Tra l'ansia di finire i compiti, i libri da acquistare, la cancelleria da controllare e i vestitini per l'occorrenza, mancano più o meno una decina di giorni. Ecco qualche consiglio per arrivare preparati e non subire alcuno shock all'idea di vedervi comparire la scuola girato l'angolo della strada ai primi di settembre.

 

 

- ripristiniamo dei sani ritmi del sonno. Dopo i bagordi delle giornate al mare o delle serate in montagna con amici e divertimenti, è tempo di dire stop alle eccezioni. Si torna ai cari vecchi orari. Difficile? Forse sì, ma necessario per non vederli con le occhiaie la mattina. Importante è farlo gradualmente, iniziando con qualche giorno in anticipo mandandoli a letto un po' prima e svegliandoli un po' prima ma lasciando il tempo per una bella colazione

 

- scegliamo con loro l'occorrente per la scuola. Condividiamo i momenti. Quale zaino? Quale diario? È importante garantire la nostra presenza e il nostro supporto nelle loro piccole grandi decisioni

 

- la gradualità è importante. Se è il primo giorno di scuola assoluto di un nuovo ciclo di studi, abituiamoli alla novità. Per esempio qualche giorno prima accompagnamoli alla nuova scuola, facciamo vedere loro l'edificio, il giardino, la struttura. E anche il percorso che faranno ogni mattina, almeno si ambientano senza bruschi strappi. Spieghiamo anche come sarà la routine, i vari momenti della giornata. La colazione, la scuola, i compiti e i giochi pomeridiani.

 

 

- no ai ricatti e no al tutto e subito. Creiamo un clima sereno in casa e nel nostro rapporto con loro. Non si possono abituare subito al nuovo stile di vita. Quindi è importante non essere troppo intransigenti nei loro confronti. Ci vorrà del tempo per carburare, è normale. E poi evitiamo i ricatti della serie “se non vuoi andare a scuola e fai i capricci guarda che ti tolgo il ..”, o peggio “vai oggi che domani ti lascio a casa”. Loro ci rimarranno male vedendo le promesse non mantenute, e in ogni caso il problema si ripresenta. Meglio essere sincere e dialogare, facendo in modo che ci raccontino quali sono le loro sensazioni e timori che hanno, così da scioglierli inieme

 

- anche l'alimentazione vuole la sua parte. In questo blog ne abbiamo già parlato, ma è bene ricordare qualche regola per non farli arrivare fuori forma. Si acqua, si the freddo preparato in casa e addolcito con il limone. Evitare bibite gassate e zuccherate. Meglio la frutta che i succhi di frutta. Importanti frutta e verdura anche con la buccia. Senza dimenticarsi elementi indispensabili come il calcio contenuto nei latticini